A terra i Sidernu

Gio, 20/08/2020 - 17:30

Figghjoli mei chi ppreju stamatina,
pedalijandu supo u lungumari.
Appena arbisci, Sidernu è cchiglia i prima,
comu a na vota, chi ssi faci amari.

Ma poi m'abbertu ca chista passijata
è nto canteri apertu i ferru e cimentu.
Avundi mi giru Sidernu è smindicata,
ca natura no sbagghia, ca ndavi u supravventu.

Ccà di putighi, bar e stabilimenti
ndavi a ogni passu, non capi cchjù nnenti.
Cosi normali d’ogni fini i stati,
c’arriva u cuntu da nostra civirtati.

Na vota di Sidernu si sapìa
ch’era nu hjuri ppoiatu sup'o mari.
Non c'era pacciu chi potìa cridiri
ca pe bellezza si potìa appattari.

Mò ieu non sacciu cchiù chi t'imbattìu,
Sidernu mia, non sacciu chimmu penzu.
N'ta ddui hjumari restasti assulicata,
senza riparu e a nuda scumbogghjiata.

Stu gruppu ‘nta gula vogghiu u spocu,
ma restu ‘mbelatu davanti ad ogni locu.
Non pozzu cchjù vidiri cosi storti,
nto paisegliu meu tradutu a morti.

Era nattu u destinu i stu paisi,
riccu i profumu, d'arti e d'omani valenti.
Mò rijettati e ad ogni locu offisi,
all'occhi i tanti, simu menu i nenti.

T'’abbrazzu mmò Sidernu a mani chini.
Non m'accuttentu cchjù i sti restatini.
Ripigghju a bricichetta, rifazzu natta strata
ca nostargia ‘nto' cori du tempu di na vota.

La terra di Siderno
Gente, che meraviglia, stamattina,
pedalare sul nostro lungomare!
Appena albeggia, Siderno è come prima
come una volta, che si fa amare.

Mi accorgo poi che questa passeggiata
è un cantiere aperto di ferro e di cemento
Da ogni parte Siderno è rovinata,
la natura non sbaglia, prende il sopravvento.

Qui di botteghe, bar e stabilimenti
ce n’è ad ogni passo, poco spazio e niente.
Ma è normale, agli sgoccioli d’estate,
ecco il conto della nostra civiltate.

Di Siderno una volta si diceva
che era un fiore poggiato sul mare,
non c’era matto che credere poteva
che la sua bellezza era da confrontare.

Non so cosa ti sia accaduto,
Siderno mia, non so più che pensare.
Tra due fiumare resti solitaria
senza riparo, nuda all’aria.

‘Sto nodo in gola ora vorrei sciogliere,
ma resto basito in qualsivoglia loco
Non posso più vedere cose contorte,
nel paesello mio tradito a morte.

Era un altro il destino del paese,
ricco di profumi, di arte e di persone valenti,
ripudiate ora e in ogni dove vilipese
agli occhi di molti, siamo inconsistenti.

Ti abbraccio, Siderno, a piene mani,
non m’accontento più delle illusioni.
Riprendo la bicicletta, cambio strada,
la nostalgia nel cuore del tempo passato.

Autore: 
Martin
Rubrica: 
Tags: 

Notizie correlate