Spartaco Fragomeni: “Questa è una terra dalla grande ricchezza umana”

Mar, 19/05/2015 - 18:12
Il Rotary-Hanbury di Sanremo in visita in Calabria

Martedì 12 maggio Siderno ha avuto il piacere di ospitare il gruppo Rotary-Hanbury di Sanremo, venuto in visita in Calabria. Tra i membri il dottor Spartaco Fragomeni, originario di Siderno e fratello del noto Paolo.
La gita si è trasformata in una piacevole occasione di incontro di altri membri delle sedi calabresi Rotary, in particolare di Locri e Crotone. L’idea nasce proprio da Spartaco, che durante una riunione getta lì un’allusione a un viaggio in Calabria, subito accolta da tutti come piacevole digressione rispetto alle mete turistiche più convenzionali.
“Mai ci saremmo immaginati un calore espresso in modo così tenero e affettuoso da parte delle persone e dei nostri amici soci. La Calabria ci è apparsa come una terra di grande ricchezza umana, di storia, di cultura, tradizione, non ultima una terra particolarmente vocata a una gastronomia eccelsa. Abbiamo potuto instaurare rapporti di amicizia con diverse persone, con cui già abbiamo in animo di portare avanti diversi progetti”. Tutto si è svolto spontaneamente, ma come se dietro ci fosse un’abile regia: tutto questo nasce da un sentire comune, che scaturisce dall’appartenere a un’associazione il cui fine ultimo è stare insieme e fare cose utili per la società. “Al di là delle idee politiche, la parte sana della società deve unirsi per portare avanti progetti che siano di beneficio per tutti, ma soprattutto per le generazioni a venire. Senza dubbio ci sarà occasione di futuri incontri e progetti in collaborazione”.
Il Rotary Club Hanbury-Sanremo si è anche distinto per aver dato vita a una iniziativa importante: le cure mediche odontoiatriche per pazienti disabili non collaboranti. L’intera organizzazione, messa in essere all’interno dell’ASP di Sanremo, accessibile con tradizionale impegnativa, è stata cura di membri del Rotary Club, dall’impegno della sala operatoria fino alle cure specialistiche di anestesia e rianimazione.
Il servizio consente alle famiglie di garantire ai loro parenti delle cure eccellenti con una degenza di poche ore e spese minime. Si pensa di poter estendere ad altre categorie deboli, come pazienti anziani affetti da Alzheimer.
 

 

Autore: 
La Redazione
Rubrica: 

Notizie correlate