Siderno: Torna in libertà Domenico Commisso

Sab, 13/08/2016 - 13:50
Era stato arrestato nel maggio del 2012 insieme a Cosimo Cherubino

Condannato nell’ambito del processo Falsa Politica, Domenico Commisso, di Siderno, è tornato oggi in liberà in seguito alla decisione della Tribunale della libertà di Reggio Calabria in composizione di giudice dell’appello. Il tribunale ha accolto il ricorso proposto dai difensori, avvocato Davide Lurasco del Foro di Locri e Marcello Manna del foro di Cosenza, inizialmente rigettato dalla corte di appello di Reggio Calabria. Commisso è stato scarcerato per decorrenza del termine di custodia cautelare. La difesa ha sostenuto che ai sensi dell’art. 303 (co. 1 lett. b n. 2 cpp) il termine di fase del primo grado per l’imputazione cautelare del Commisso Domenico (416 bis aggravato dal comma 4 c.p.) era di un anno e non un anno e mezzo, siccome durante il processo falsa politica celebrato nelle forme del rito ordinario presso il tribunale di Locri non è intervenuto alcun provvedimento di sospensione del termine di custodia cautelare, ex art. 304 C.p.p. quel termine di un anno, poteva essere aumentato dell’art. 303 co. (1 lett. B - n. 3 bis C.p.p.), fino ad un massimo di sei mesi. Tale termine così considerato è pertanto irrimediabilmente scaduto il 14 novembre del 2014 mentre il dispositivo della sentenza di primo grado è intervenuto solo il 15 marzo 2015, quindi successivamente. Pertanto Domenico Commisso andava scarcerato per come effettivamente disposto dal Tribunale della libertà di Reggio Calabria in data odierna. Ricordiamo che Domenico Commisso, consigliere comunale nella lista “Crediamoci Insieme”, ritenuta vicina all’ex consigliere regionale Cosimo Cherubino, era stato tratto in arresto il 21 maggio del 2012 nell’ambito dell’operazione “Falsa politica”.

Rubrica: 

Notizie correlate