Siderno: il corso, il parcheggio e l'uomo in smart

Lun, 12/08/2013 - 17:40

Eccone un altro. L’uomo in Smart sarà andato al bar o al Tabacchi? O magari in banca? Quello che è certo è che Siderno stamattina doveva essere talmente invasa da turisti e cittadini che lui non ha potuto proprio trovare un parcheggio con tutti i sacramenti. Questa ipotesi non sembra molto credibile. Mentre è molto più probabile che il guidatore della micro macchina abbia ben pensato che con questo caldo e con l’alibi “tanto sto solo cinque minuti” potesse posteggiare la sua auto  sul marciapiede e in pieno incrocio. Poco importa se i suoi cinque minuti e il suo fregarsene degli altri e delle norme del codice possa aver arrecato disagio a qualcun altro. Non è un suo problema. Come non lo è di tutti quelli che parcheggiano in doppia fila, che lasciano la macchina al centro della strada, che posteggiano trasversalmente ostruendo mezza corsia. Il problema è sempre dell’altro automobilista, che, magari, gli impreca anche contro ma poi trovandosi nella stessa situazione si comporta esattamente come l’uomo della Smart.

Per i nostri lettori. Lo sappiamo che nel mondo ci sono problemi più seri. Sappiamo anche che nella Locride manca il lavoro, la sanità è un disastro, le vie di comunicazione sono impercorribili e super trafficate, ecc. (potete aggiungere il problema che più vi sembra importante). Noi ci speriamo ogni settimana per cercare di produrre qualche articolo che possa interessarvi, che possa farvi indignare e incuriosire. Ma non c’è niente da fare. Criticherete tutti questa notizia ma sarà sicuramente tra le più cliccate della settimana e non perché susciti in voi o nell’automobilista della Smart un po’ di vergogna e di sano sdegno. Ma solo perché sono queste le notizie che attirano la vostra attenzione: macchine in divieto di sosta (per poter criticare “la pseudo notizia che oscura problemi più seri”); morti ammazzati e arresti (però “sempre a scrivere male della nostra terra”); lo squalo e la balena piaggiati (“ma vi sembra una notizia”).

No non ci sembrano delle notizie fondamentali ma sono tra le poche che catturano i vostri commenti e la vostra attenzione.  

 

Rubrica: 
Tags: 

Notizie correlate