Presentato a Siderno il libro sul Presidente scomodo

Dom, 24/11/2019 - 18:30

Domenica 17 novembre, presso la libreria Mondadori di Siderno, è stato presentato il libro di Michele Drosio “Mario Oliverio, la sfida riformista di un Presidente scomodo”, edito da Rubbettino. L’incontro moderato da Enzo Romeo, direttore di Media Italia, ha visto la partecipazione di Maria Teresa Fragomeni, Assessore regionale; Ilario Ammendolia, giornalista; Cesare De Leo, sindaco di Monasterace; Carlo Macrì, giornalista; l’autore del libro e il suo protagonista. Si tratta di una biografia che ripercorre la storia politica del Presidente, e in particolar modo il quinquennio alla guida della Regione Calabria, che si appresta a concludersi. Oliverio, uno degli ultimi comunisti rimasti, eletto a 27 anni consigliere regionale nelle liste del PCI, nel 1990 era sindaco di San Giovanni in Fiore, poi alla Camera per quattro legislature consecutive, componente del consiglio d’Europa, Presidente della provincia di Cosenza, infine Presidente della Regione Calabria. Una vita dedicata alla politica che il libro racconta, con aneddoti  interessanti, come quando da giovane dirigente comunista ha accompagnato Enrico Berlinguer nelle due tappe calabresi, la prima a Cosenza, la seconda a Catanzaro nel 1979, seguita da una bella cena a base di pesce. L’anno successivo si vota per le regionali, da Roma lo vogliono candidare, mentre lui vorrebbe rimanere nella sua San Giovanni in Fiore. Rifiutando più volte l’invito, è stato alla fine convocato a Roma. Nelle stesse ore si tiene la direzione del PCI, seduto, in attesa, nel corridoio vede sfilare: Amendola, Ingrao, Natta. Quando Berlinguer lo riceve, gli chiede le ragioni del suo diniego. Oliverio le espone, Berlinguer lo ascolta e poi gli elenca i motivi per cu dovrebbe accettare l’incarico. Insomma, al compagno Berlinguer non si può dire di no. Il Presidente, dopo ave ricordato i momenti felici della sua carriera, si è soffermato sulle accuse che gli sono state mosse, in quel momento è diventato un uomo ferito, ferito nella sua dignità, sottolineando di come la cassazione ha stabilito di come nei suoi confronti ci fosse “un chiaro pregiudizio accusatorio e assenza totale di indizi”. Continuando con queste parole: “Ho reagito come bisognava reagire, perché nessuno si deve permettere di infangare la mia persona e, attraverso la mia persona, di buttare fango sulla Calabria”. A questo punto sono chiarificatrici le parole di Ilario Ammendolia, nel momento in cui ha spiegato che “c’è una stampa servile, alcuni giornali parlano di Mario Oliverio come se fosse il male assoluto, ma se uno va a vedere dove sta il malloppo e le congiure, si comprende che non c’è nulla dietro. Passa un messaggio vuoto, ed è drammatico. Se andiamo in giro dicendo che Mario Oliverio è stato un buon governatore, la gente non ci crede”. Un altro punto interessante è stato quello individuato dall’assessore Fragomeni, ovvero la presenza costante del Presidente della Regione nella Locride, specialmente in situazioni difficili come la mareggiata di Siderno, o altri problemi alluvionali di altri paesi vicini. Il dibattito si è concluso con un intervento di Mimmo Lucano, che ha raccontato di quando ha chiesto aiuto al Presidente per non far “deportare” un bambino di sette mesi, ribadendo che si tratta di un uomo che non ha scelto di stare dalla parte dei poteri forti, ma da quella dei più deboli. Sottolineando di come sia importante avere un Presidente che prenda posizione sui valori umani.
In conclusione, non credo che Mario Oliverio sia il male della Calabria, è semplicemente un uomo che ha lavorato, ha tentato, e ha anche sbagliato. Ma chi non commette errori? In fondo, nessuno è immune dall’errore, ma tutti ce ne dimentichiamo quando vogliamo giudicare il lavoro degli altri. Il 26 gennaio i calabresi saranno chiamati al voto, quali saranno le manovre della politica? Ma soprattutto sarà riconfermato Oliverio? Forse meriterebbe un’altra possibilità, o forse la Calabria meriterebbe una continuità politica, che da anni non ha.

Autore: 
Rosalba Topini
Rubrica: 

Notizie correlate