Le misure patrimoniali nel processo penale

Lun, 09/12/2019 - 12:00
Giudiziaria

“Le misure patrimoniali nel processo penale” è stato il tema del convegno che si è tenuto nei giorni scorsi presso l’Aula Magna del Liceo Scientifico “F. La Cava” di Bovalino, con la contemporanea presentato del libro “L’intestazione fittizia di beni e la confisca allargata” scritto dagli avvocati Enzo Nobile e Francesco Donato Iacopino.
Grande successo di pubblico, numerosi infatti i presenti, molti dei quali non addetti ai lavori, interessati alla tematica delle misure patrimoniali, un argomento di particolare attualità.
L’inizio del convegno è stato dedicato al commosso ricordo dell’ingegnere Sergio Lupis, che ci ha lasciato un mese fa. Tanti i ricordi e gli aneddoti di chi ha conosciuto l’ingegnere che hanno emozionato il pubblico presente.
Si è passati, poi, ai lavori del convegno con i saluti istituzionali e, quindi, con la relazione del pm di Locri dottore Michele Permunian, sulla “confisca urbanistica” con riferimento a recenti sentenze Commissione Europea. I lavori, introdotti dall'avv. Giuseppe Strangio e moderati dall'avv. Piermassimo Marrapodi, sono proseguiti con l'intervento dell'avv. Nicola Crimeni, sui doveri deontologici a cui si deve attenere il difensore nel rapporto tra assistito e amministratore giudiziario. Quindi l'avv. Sandro Furfaro ha disquisito sulla diversa natura della “Confisca per sproporzione”. Il giudice Bruno Muscolo, presidente della Corte di Appello di Reggio Calabria, ha disquisito sul “Rapporto tra pericolosità sociale e l’ingiustificata disponibilità di beni”.
Hanno poi concluso gli avvocati Enzo Nobile e Donato Iacopino, autori del libro “L’intestazione fittizia di beni e la confisca allargata” edito da “Key editore” della collana “Dialettica e Processo penale” diretta da Enzo Nobile.
Il libro si legge e si comprende anche per chi non è addetto ai lavori. La materia, d'altronde, è particolarmente interessante e si sviluppa nel complesso in maniera discorsiva con i giusti richiami alla giurisprudenza, aggiungendo delle considerazioni che tracciano un solco profondo per poter cogliere e comprendere una tematica che è sempre più contemporanea e, anche per questo, non si può prescindere dal conoscere e approfondire.
Il lavoro di studio proposto all’interno del volume è frutto, e si vede, di un proficuo e dettagliato lavoro degli avvocati Nobile e Iacopino, il primo già temprato dal successo editoriale del libro dal titolo “La prova tecnica nel processo penale” (Key editore 2016).
L’opera, dopo una breve trattazione di carattere storico, di notevole portata per poter comprendere l’evoluzione della materia tratta, analizza aspetti giuridici di natura teorico-pratica della “pena accessoria” della confisca per sproporzione (c.d. allargata), e del reato di trasferimento fraudolento di valori (c.d. intestazione fittizia).
Con particolare riguardo alla confisca, l’analisi concerne la natura giuridica, il concetto di sproporzione tra il valore dei beni e i redditi prodotti dall’attività economica esercitata, l’applicazione alle ipotesi del tentativo e alle cause di estinzione del reato presupposto e l’onere di allegazione riguardo la giustificazione della provenienza lecita dei beni.
Quanto al reato di trasferimento fraudolento di valori vengono esaminate la sua natura istantanea, che sul piano pratico ha fondamentale importanza per la individuazione del momento di consumazione della condotta e del post-factum non punibile, la doppia posizione del dolo nella struttura del reato, il concorso necessario nelle sue diverse concezioni da parte della giurisprudenza di legittimità e la distinzione tra attività di gestione e interposizione.
Il timore di possibili infiltrazioni da parte di organizzazioni criminose nell’economia sana della nostra società, con il problema del riciclaggio di denaro sporco e/o con l’intestazione fittizia dei beni, preoccupa tanto la politica quando la magistratura inquirente tanto da aver portato negli ultimi anni a maggiori attenzioni legislative e investigative. Indagini sulle quali spesso si fondano operazioni di misure di prevenzione patrimoniale e personale che, a volte travalicano la certezza del diritto.

Rubrica: 

Notizie correlate