Infrastrutture della Locride: incontro tra Regione e Cittadinanza attiva

Sab, 19/12/2020 - 16:00

Si è svolto il 17 dicembre 2020 in videoconferenza un proficuo incontro tra  la Regione Calabria, rappresentata dall’Assessore alle Infrastrutture, ing. Domenica Catalfamo, unitamente all’ing. Giuseppe Iiritano Dirigente del Settore Programmazione OO.PP. e all’arch. Domenicantonio Schiava Dirigente Generale del Settore Urbanistica, da una parte e dall’altra il Presidente del GOEL Vincenzo Linarello, il Presidente del Consorzio Jonica Holidays Maurizio Baggetta e l’ing. Edmondo Crupi insieme con l’avv. Francesco Macrì per il CORSECOM.
L’attenzione è stata subito focalizzata sul settore dei trasporti e delle infrastrutture che interessano il comprensorio della Locride. In un momento storico di particolare difficoltà per l’Italia tutta e in particolare per quest’area, la questione dell’accessibilità e dell’infrastrutturazione viaria e ferroviaria diventa sempre più centrale nel dibattito sulla riduzione del divario economico dal resto del Paese e sulle prospettive di sviluppo del territorio, come sottolineato anche dall’avv. Macrì. Lo stesso ha anche sottolineato l’importanza strategica della SS 106 da un punto di vista regionale e interregionale, nell’ambito del corridoio adriatico ed europeo.
L’Assessore Catalfamo, esprimendo grande apprezzamento per l’incontro promosso dal Corsecom, ha fatto presente che sono stati avviati dalla Regione incontri e le necessarie interlocuzioni con i massimi dirigenti di ANAS, RFI e MIT per avanzare precise richieste e quindi addivenire ad una programmazione concertata finalizzata alla definizione degli interventi che si dovranno attuare nei prossimi anni.  Non appena si otterranno risposte si potrà organizzare un confronto nel merito allargato anche alla cittadinanza. Tuttavia, ha evidenziato che dal territorio finora non si è mai levato un segnale forte di partecipazione attiva alle strategie regionali e nazionali di programmazione, dichiarando altresì che non sono state avanzate proposte/progetti capaci di candidarsi utilmente alla realizzazione delle infrastrutture necessarie e di cui da tempo si dibatte sulla loro indifferibilità.
Purtroppo durante il dibattito, ribadito anche dall’ing. Iiritano, è emerso che l’ANAS non ha nulla in fase di prossima esecuzione per la Locride, a meno di interventi minori, peraltro più volte sollecitati. In particolare, è stato sottolineato che, in assenza di interventi già progettati, non ci si può aspettare nulla di prossimo e di incisivo per il comprensorio. In particolare è stato messo in evidenza dall’Assessore che, per la SS106 ionica, solo il tratto Catanzaro – Crotone ha le carte in regola per essere finanziato dal Recovery Fund. Un obiettivo che è stato raggiunto soprattutto grazie all’impegno dei sindaci e dell’intera rappresentanza politica dei territori che si sono attivati per tempo, rivendicando la necessità degli interventi, sottoscrivendo protocolli e approvando le delibere di adesione.
Durante i vari interventi si è dato anche spazio alle voci degli imprenditori. Per il comparto turistico, Maurizio Baggetta, Presidente del Consorzio Jonica Holidays, ha rappresentato le grandi difficoltà che sta subendo tutta la filiera turistica e il relativo contraccolpo subito dalle attività economiche soprattutto dei piccoli centri. Negli anni, l’area ha registrato la perdita di molti posti letto, fattore che di fatto penalizza nella competizione con altre località a vocazione turistica della stessa Regione.
Il dottor Vincenzo Linarello, riportando l’esperienza del Consorzio GOEL, ha evidenziato le grandi sfide che si presentano in questo momento di crisi e di necessarie trasformazioni anche nelle logiche di intervento e supporto alle imprese. E’ infatti questo il momento di cogliere il meglio delle risorse e delle potenzialità del territorio, di fare investimenti centrati e innovativi nei settori che più di altri stanno dimostrando prospettive di crescita a livello nazionale e internazionale. Per questo, centrale è investire nell’infrastrutturazione tecnologica e digitale oltre che in quella viaria, nel campo dell’agricoltura biologica (settore che sta avanzando dappertutto a ritmo accelerato), della ricettività turistica slow, etc.
L’ing. Edmondo Crupi ha tenuto a comunicare che il CORSECOM intende farsi promotore di un “Programma d’Area”, già previsto come strumento di pianificazione dalla Legge Urbanistica Regionale 19/2002, che comprenda il territorio lineare che va da Bianco a Monasterace insieme con la retrostante parte collinare. Un programma che dovrà mettere a sistema i vari attrattori dell’area e che avrà al centro l’ambiente e il paesaggio, l’innovazione tecnologica, le attività produttive e la valorizzazione dei beni culturali.
Uno strumento, quello del Programma D’area che, come evidenziato dall’Assessore Catalfamo unitamente ai due dirigenti, finora mai attivato nel comprensorio e che invece può essere utile nel definire una linea strategica di interventi che parta “dal basso”, dall’iniziativa che matura spontaneamente e che prenda le mosse dalle istanze avvertite dal territorio per poi avere un necessario confronto ai tavoli regionali.
Il dottor Mignolli si è soffermato sulle ipotesi avanzate per il Programma e sulle possibilità offerte dalle leggi esistenti che si possono aprire per la Locride; l’occasione è stata utile per comunicare il notevole riscontro avuto dal recente bando del GAL Terre Locridee, a cui hanno risposto ben 92 aziende agricole.
L’Assessore Catalfamo insieme con l’arch. Schiava ha dichiarato la fattibilità del percorso amministrativo, spingendo il territorio con la sua “CITTADINANZA ATTIVA” a fare avere al più presto alla Regione un documento da utilizzare per l’attivazione del suddetto Programma d’Area.
Infine, la stessa si è detta contenta dell’incontro ed ha assicurato che si premurerà di allargare alla Giunta Regionale l’idea progettuale avanzata, suggerendo di valutare ulteriori approfondimenti per il settore dell’agroalimentare e interessando a tale scopo direttamente l’Assessore Gallo, con cui prevede di promuovere un ulteriore incontro.

Il Corsecom

Rubrica: 

Notizie correlate

Aspettando Godot

Dom, 11/04/2021 - 14:00
La nostra redazione romana si appella ai Sindaci della Locride, per non continuare a farsi interpreti di messianica attesa, ma per levare la propria voce per far destinare i fondi del PNRR a un territorio a lungo bistrattato che necessita di fondamentali interventi.