Quelli

Dom, 14/04/2019 - 16:20

Non pena prendere per tutti quelli che erano
amici e non ti salutano più. La vita passa, signorilmente
mantenesti le promesse. Non pensare perché
nel cristallo, a mirarsi, venivano e bella era l’imago.
Non per sognare ed amar del mondo le bellezze,
certo era un po’ difficile, anche se il premio
era grande. Ora di miseria la bocca hanno colma,
non trovano prato ed erba per nettare, poi, solo
dopo, ricordano che mai allora di menzogne
ebber necessità! Adesso che tutto scoprono
senza cogitare alle falsità, non hanno ritegno,
scintille vomitano dalle ora distortes!
Quanta meraviglia, allora fintoni
erano ed ora in cerca di motivo per
celestiali verba intonare, solo
grugniti fanno ascoltare! Se d’argento, anco
è la zuppiera, dentro, solo escrementi di maiale,
con tanta broda trovansi, sono costretti a ingurgitare!
Mai son sazi, non gli occhi, le lingue hanno putte,
continuamente altro soggetto non trovano per dialogare!
Quando finiranno di manducare, su di loro, un fetido
rigetto ricadrà e li sommergerà!

Autore: 
L’albatros
Rubrica: 
Tags: 

Notizie correlate