Il mosaico dei tempi

Dom, 10/01/2010 - 00:00

Venerdì 15 gennaio 2010 a Palazzo Nieddu alle ore 17,30 prenderà avvio la terza fase del progetto socio-culturale “IL MOSAICO DEI TEMPI”. Dopo aver ripercorso la storia della Locride dall’età arcaica e classica, nella prima fase tenutasi nel 2008, all’epoca bizantina e fino alla dominazione spagnola, nella seconda fase del 2009, il progetto volge alla conclusione del ciclo con sei nuovi incontri da gennaio ad aprile. Il titolo dell’edizione 2010 è “La Calabria dal decennio francese alle lotte contadine”. L’iniziativa è a cura della Pro Loco di Locri ideatrice del progetto, con la preziosa collaborazione culturale della Deputazione di Storia Patria per la Calabria. Aderiscono l’UNPLI servizio civile per la provincia di Reggio Calabria a cui il progetto offrirà l’occasione per realizzare degli incontri formativi rivolti ai giovani del servizio civile in forza alle Pro Loco della provincia. Inoltre, il progetto si svolge con il patrocinio della Regione Calabria, della Provincia di Reggio Calabria e del Comune di Locri, nonché del Consorzio di Pro Loco della Riviera dei Gelsomini. Il programma vede la partecipazione di illustri professori e studiosi che si soffermeranno ad analizzare singoli periodi storici offrendo una panoramica generale della Calabria e più in particolare della Locride, evidenziando anche significativi eventi locali ancora oggi non totalmente approfonditi e compresi. Dalla breve dominazione francese all’affascinante periodo preunitario, passando per le due guerre mondiali, il socialismo e l’avvento del fascismo, le lotte contadine , ma anche il sistema industriale locrese e la Repubblica rossa di Caulonia, questi saranno in sintesi gli argomenti di riferimento attorno a cui i relatori cercheranno di realizzare uno spaccato degli ultimi due secoli. Le finalità culturali che motivano l’iniziativa sono da collegarsi alla necessità di offrire ai cittadini ed ai giovani della Locride occasioni di conoscenza e quindi di riflessione su un passato non molto remoto che ha certamente contribuito a determinare le condizioni sociali economiche e culturali dell’attuale periodo.

Autore: 
Redazione