Calcio: la Locride ha finalmente il suo centro federale sportivo

Dom, 21/10/2018 - 18:40

La Locride ha il centro federale sportivo. La presentazione del nuovo centro in rappresentanza del territorio è avvenuta nella sala dei congressi dell’ex Convento dei Minimi a Roccella Jonica. Al tavolo dei relatori, oltre alla presenza dei componenti federali tra i quali Giampiero Persichetti, responsabile organizzativo CFT Nazionale, il Presidente della Figc Calabria, Saverio Mirarchi e Maurizio Condipodero, presidente del Coni regionale, Massimo Costa, coordinatore regionale settore giovanile e scolastico, Cristina Manfredini, responsabile area sud Italia, il sindaco di Roccella, Giuseppe Certomà e di Locri, Giovanni Calabrese, accompagnato dal suo vice Raffaele Sainato e dall’assessore Giuseppe Fontana. Un’importante occasione per i giovani calciatori locridei Under 13, 14 e 15, che avranno così l’occasione di formarsi sotto il punto di vista specialistico grazie alla presenza di tecnici federali e addetti qualificati. Il centro territoriale della Locride ha nel suo organico il responsabile organizzativo Giuseppe Filastro e il responsabile tecnico Salvatore Accursi, istruttori Manuele Filippone, Leo Scordo, Giuseppe Minnella, Francesco Macrì, Gianluca Lombardo e collaboratori organizzativi Giuseppe Musolino e Luigi Baldari. “Non posso che esprimere grande soddisfazione per quanto raggiunto – dichiara il sindaco di Locri Giovanni Calabrese, – perché avere un Centro Federale nella nostra Locride ha ancora più valore, e questo è il risultato della caparbietà di due sindaci che hanno a cuore le sorti del nostro territorio e il futuro dei loro giovani, non poteva che portare a questo risultato. Lavoreremo – aggiunge Calabrese - in sinergia con Roccella Jonica affinché il tutto possa procedere sempre nel migliore dei modi e non si perda nel tempo quello che con tanto sacrificio è stato costruito fino ad ora. È un’opportunità importante per i nostri giovani, con la speranza che qualcuno riesca a mettersi in luce calcando campi prestigiosi, e magari anche indossando la maglia della nazionale italiana”.

Rubrica: 

Notizie correlate